20190908 XXIII Tempo Ordinario C

 

Lc 14,25-33

Amare le persone, i parenti, gli amici, ecc… più di quanto si ami il Signore.
Andare per la propria strada, senza farsi carico delle proprie responsabilità e dei propri pesi.
Rimanere attaccati ai propri beni, alle proprie cose, senza essere capaci di staccarsi o di condividere.

3 cose da non fare se desideriamo davvero, con tutto noi stessi, seguire Gesù e il suo Vangelo!

Ecco, invece, le 3 condizioni che il Signore Gesù pone oggi a quanti, tra la folla numerosa che va con Lui, desiderano essere suoi discepoli...

1. Avere un cuore caldo e appassionato.

Amarlo non meno di quanti si ami un parente o un amico. Dedicargli tempo ed energie non meno di quanto si faccia con un amico. 

2. Avere “spalle larghe e piedi agili”.

Farsi carico delle proprie responsabilità, delle proprie fatiche, delle prove e di ogni situazione difficile che si incontra. Prenderle con sé, non abbandonarle. E, soprattutto, portarle dietro a Lui, lasciando che sia solo la sua Parola e la sua Croce ad illuminarle e a dare loro senso. 

3. Avere “mani aperte”.

Essere semplici. Vivere in modo distaccato dai propri averi e dai propri progetti. Avere una giusta idea di sé. 

 

Signore,
donami tu la grazia di essere tuo discepolo,
donami la grazia di seguirti:

con un cuore caldo e appassionato,
capace di un “di più” di amore;

con le spalle larghe e i piedi agili,
sempre pronto a camminare dietro a te
in qualsiasi situazione o momento
della mia vita;

con le mani aperte,
che non trattengono nulla per sé,
disponibili a condividere con tutti,
specie con i più bisognosi.

Signore, aiutami tu ad essere un tuo discepolo!

Share
 
 
 
Back to top