20190804 XVIII Tempo Ordinario C

Lc 12,13-21

Arricchirmi presso Dio! Questa è la mia unica preoccupazione! Questa è la sola cosa che cerco: arricchirmi presso Lui, arricchirmi della ricchezza che è Lui, arricchire la mia vita di quel Bene, di quella Grazia, di quella pace che Lui solo può donarmi! Costi quel che costi, costi anche il rinunciare all’abbondanza, costi anche rinunciare a mettere da parte soldi e beni materiali, costi anche rinunciare ad avere a disposizione tutto per me, come e quando lo voglio io. Costi anche rinunciare all’affetto di una persona o all’amicizia di molti. Costi anche rinunciare alle sicurezze. Costi anche rinunciare alle proprie certezze e ai propri bisogni, ecc… Rinunciare, dare a tutto questo una importanza minore, servirsene solo in quanto mi può aiutare…

La mia vita, il mio futuro, non dipendono da quanti bene ho a disposizione, da quanto grano c’è nei magazzini…né da quante applicazioni ho nello smartphone, tantomeno dal numero di amici in Facebook o da quante persone seguo o mi seguono in Instagram. Il mio futuro sarà pieno, la mia vita sarà ricca se sarò capace di non trattenere tutto per me; la mia stessa vocazione sarà realizzata se e nella misura in cui il mio “Sì” sarà tutto a Lui solo e al suo Amore: senza riserve, senza altre preferenze, senza secondi fini!

Questa è la vera ricchezza, l’unica che da senso a tutto il resto, poco o tanto che sia.

Degnati, o Cristo,
dolcissimo nostro Salvatore,
di accendere le nostre lampade:
brillino continuamente nel tuo tempio
e siano alimentate sempre da te
che sei la luce eterna,
perché siano rischiarate le nostre oscurità
e fuggano da noi le tenebre del mondo…

Fa’, o Gesù mio,
che io guardi, contempli e desideri te solo;
solo te ami, solo te attenda
con il più ardente desiderio
e sempre la mia lucerna brilli e arda davanti a te.

Ti prego, amato nostro Salvatore,
di mostrarti a noi che bussiamo
perché, conoscendoti, amiamo te, te soltanto,
te solo desideriamo, a te solo incessantemente pensiamo
e meditiamo giorno e notte le tue parole.
Degnati di infonderci un amore così grande,
quale si conviene a te che sei Amore.
Il tuo amore pervada tutto il nostro essere
e ci faccia completamente tuoi.
La tua carità riempia tutti i nostri sensi,
così che non amiamo altro all’infuori di te,
che sei eterno.
(Colombano, Istruzioni)

Share
 
 
 
Back to top