FdC2017 ImmagineLocandina Copia

Puntuale come sempre, sabato 22 aprile arriverà la Festa diocesana dei chierichetti. Forti della bella esperienza e della numerosa partecipazione dello scorso anno in occasione del Giubileo, l’appuntamento che vede convergere per un pomeriggio nei cortili del Seminario e nelle navate della Cattedrale chierichetti di ogni età, parrocchia e - di conseguenza - modello di veste, si ripeterà nuovamente di sabato e avrà come filo conduttore la figura di San Francesco di Sales (da cui appunto il titolo:“…con un pizzico di Sales”), ufficialmente patrono del nostro Seminario da 60 anni.

Alla conoscenza della sua vita e alla preghiera per le vocazioni era dedicato anche il Palio dei chierichetti 2017, che sarà premiato al termine della festa. A far parte della giuria ci sarà quest’anno anche la redazione de L’Azione: San Francesco, infatti, è pure patrono dei giornalisti, per questo valuteremo insieme la prova finale del Palio, cioè la realizzazione di una pagina locale del settimanale diocesano.

Sappiamo che molti gruppi si sono mossi, sia a livello parrocchiale che a livello di Unità Pastorale, per la realizzazione del concorso: questo ci fa già ben sperare nel felice esito della festa, ma soprattutto ci conferma nella bontà della passione e dell’impegno per la promozione e la presenza dei chierichetti nelle nostre chiese. Un servizio che può donare davvero “un pizzico di Sales” alle nostre liturgie e, ancor di più, alla vita stessa dei chierichetti.

don Paolo e don Fabio
(L'Azione n°14 - domenica 9 aprile 2017)

Qui è possibile scaricare la locandina della festa in formato jpg.

Qui invece è possibile scaricare la lettera di presentazione per gli accompagnatori con il programma della festa e alcune note tecniche.

Qui, infine, puoi seguire l'evento in Facebook.

NOVITA'!!! Scaricare il file in formato word o pdf per l'autorizzazione dei genitori dei chierichetti alla realizzazione di foto durante la festa e al loro successivo utilizzo da parte del Seminario.

CH09
Vidor, Arfanta, Santi Martino e Rosa, San Giorgio di Livenza i primi


La Festa diocesana dei chierichetti, in programma il 22 aprile, è sempre più vicina.

Come si sa, il Palio di quest’anno coinvolgerà in modo particolare L’Azione, chiamata all’arduo compito di valutare i lavori dei chierichetti, cui è stato chiesto di mettersi nei panni della nostra redazione per creare due pagine di giornale. Per far crescere la suspense in vista del Palio, abbiamo pensato di dare spazio ai gruppi chierichetti che intendono presentarsi. Quella di questo numero è la prima pagina che dedichiamo a questo scopo e ne seguiranno ovviamente delle altre. 

Mandateci quanto prima il vostro materiale: lo pubblicheremo volentieri. I nostri recapiti li conoscete: telefono 0438-940249, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

La redazione de L'Azione

processione

Gli ospiti e i regali non possono mancare ad una festa… nemmeno se si tratta della festa dei chierichetti!E così è stato nel corso della 30° Festa diocesana dei chierichetti che si è svolta sabato scorso: un’edizione da ricordare certamente per quanto riguarda la partecipazione delle parrocchie (59) e degli accompagnatori (ben oltre i 200).

Nella cornice di uno splendido pomeriggio di sole, in un Seminario colorato e vestito a festa, i nostri seminaristi hanno intrattenuto e fatto divertire 575 chierichetti con musiche, canti, la scenetta e un grande gioco il cui obiettivo era di preparare i pacchi-dono che ogni parrocchia avrebbe poi portato all’altare durante la Messa celebrata dal vescovo in una Cattedrale gremita di vesti di ogni tipo.

Non è mancato il momento per una testimonianza sul tema della festa (“Servirti/Seguirti è una festa!”) da parte di alcuni super-ospiti: i chierichetti (353) hanno ascoltato una “intervista doppia” fatta ai neo-diaconi don Carlo e don Paolo, mentre Jane e suor Gianna hanno raccontato con tre oggetti la loro storia vocazionale alle ragazze (222). Nel frattempo la cappella del Seminario si è riempita di tutti gli accompagnatori che hanno vissuto un tempoi di preghiera per i loro ragazzi.

Altri due momenti hanno scandito la festa: la processione verso la Cattedrale con il passaggio della Porta Santa (abbiamo così celebrato il Giubileo dei chierichetti) e, al termine della Messa, le premiazioni per la 17° edizione del Palio che, proprio in sintonia con l’Anno Santo, aveva il titolo “Mi-sericordia porta a te”. A contenderselo i 27 lavori di 42 parrocchie: una partecipazione eccezionale anche per il Palio, dovuta anche alla felice intuizione avuta da diverse parrocchie di parteciparvi come Unità pastorale. Oltre alla realizzazione delle porte i vari gruppi si sono messi all’opera, nel vero senso della parola, impegnandosi in molte opere di misericordia, vivendo poi tutti insieme un momento di preghiera o di ritiro. Per la giuria degli educatori del Seminario non è stato facile stilare la classifica (la puoi trovare qui): alla fine, però, solo i chierichetti di Pianzano si sono portati a casa il Palio e lo custodiranno fino al prossimo anno.

…Allora arrivederci a tutti nel 2017!

don Paolo Astolfo
(L’Azione n°19  – domenica 8 maggio 2016)

Ben 42 parrocchie hanno deciso di partecipare quest'anno al Palio dei chierichetti, dal titolo “MI-sericodia PORTA A TE”. Molte hanno lavorato in Unità pastorale, presentando così alla fine 27 lavori. Un record, quindi, il numero delle parrocchie che hanno partecipato e, ancor di più, un segnale molto importante di come sia bello e vincente collaborare insieme!

Dietro a ciascuna delle porte realizzate ci sono tanti volti e tante persone molto meno fortunati e felici di noi…che hanno potuto fare festa, ritrovare un po' di gioia, grazie alle diverse opere di misericordia in cui ogni gruppo (e, a volte, anche ogni chierichetto) si è cimentato. Non ultimo ci sono anche varie preghiere affidate al Signore dopo aver meditato la vocazione di San Matteoe aver contemplato il dipinto del Caravaggio.

Non è stato facile per gli educatori del Seminario valutare tutti i lavori: c’erano davvero tanta misericordia, tanta creatività, tanta partecipazione e, soprattutto, tanto amore per il Signore e per il servizio di chierichetti. Abbiamo cercato di tenere conto della fedeltà alle richieste fatte per ciascuna prova…insieme alla partecipazione del maggior numero dei chierichetti e alla bellezza artistica.

Di seguito, l'elenco delle parrocchie che hanno partecipato, di quelle che hanno ricevuto qualche menzione speciale e, infine, la classifica finale con i primi 5 vincitori.

A tutti la nostra gratitudine per aver partecipato, assieme ai migliori complimenti!!!


•    Santi Vito e Modesto Martiri in Anzano

DSCN6947


•    Santa Maria in Betlemme in Bagnolo
    Beata Vergine di Lourdes in Conegliano

DSCN6941


•    Santa Caterina Vergine e Martire in Barbisano

DSCN6935


•    Santi Giacomo Apostolo e Nicola Vescovo in Brugnera
    San Cassiano Martire in San Cassiano di Livenza

DSCN6952


•    Santa Maria Maddalena in Cappella Maggiore

DSCN6930


•    San Donnino Martire in Carve-Pellegai
    Santa Maria Annunziata in Mel

DSCN6936


•    San Vitale Martire in Ceggia
    San Giovanni Bosco in Fossà
    Sacro Cuore di Gesù in Gainiga
    San Giorgio Martire in Grassaga

DSCN6926


•    San Tomaso Apostolo in Colle Umberto
    San Martino Vescovo in San Martino di Colle Umberto

DSCN6950


•    Santi Pietro e Paolo in Ghirano di Prata

DSCN6957


•    San Giorgio Martire in Lago
    San Matteo Apostolo in Revine

DSCN6955


•    Santa Margherita Vergine e Martire in Godega di Sant’Urbano

DSCN6940


•    San Martino Vescovo in Mosnigo

DSCN6929


•    San Nicola Vescovo nel Duomo di Motta di Livenza
    San Giovanni Battista in San Giovanni di Motta
    Sant’Agostino Vescovo in Villanova di Motta

DSCN6934


•    Santo Nome di Maria in Vidor

DSCN6942


•    San Pietro in Vincoli in Zoppè

DSCN6937

 

Menzioni speciali


•    Santi Ippolito e Cassiano in Gorgo al Monticano

DSCN6938
    per l’opera di misericordia vissuta: “Insegnare agli ignoranti”


•    Santa Maria Assunta in Fregona

DSCN6953
    per l’idea della porta a forma di Gesù


•    San Giovanni Battista nel Duomo di Oderzo

DSCN6954
    per le molte opere di misericordia spirituale vissute personalmente


•    San Giorgio Martire in San Giorgio di Livenza

DSCN6946
    per l’opera di misericordia vissuta invitando alcuni disabili in parrocchia per un momento di festa


•    Santi Rocco e Domenico in Conegliano

DSCN6928
    per la profondità e il coinvolgimento dei ragazzi nella preghiera


•    Sant’Antonio Abate in Sant’Antonio Tortal

DSCN6932
    per l’opera di misericordia vissuta proponendo un Pellegrinaggio spirituale agli anziani e malati


•    Santi Simone e Giuda Apostoli in Tovena

DSCN6945
    per l’opera di misericordia vissuta portando dei fiori di carta sulle tombe dimenticate

 

CLASSIFICA FINALE

 

5° classificato

Santa Teresina di Gesù Bambino in Camolli
San Lorenzo Martire in Cavolano
San Nicola Vescovo nel Duomo di Sacile

DSCN6931
Come opera di misericordia hanno scelto di visitare gli anziani nelle case e in un centro diurno. Per la seconda prova hanno vissuto un pomeriggio di ritiro in Seminario. La Porta, realizzata da loro, riassume con semplicità tutto quanto era richiesto.
“La Misericordia ci im-porta”: così hanno scritto sulla loro porta…e davvero lo hanno dimostrato e vissuto insieme, come gruppo e come parrocchie che iniziano a camminare insieme come UP.

 

4° classificato

Beata Vergine della Mercede in Cimavilla
Sant’Ulderico Vescovo in Cimetta
Sant’Andrea Apostolo in Codognè
Santa Maria Assunta in Roverbasso

DSCN6948
Una settimana, meglio 10 giorni, in cui si sono impegnati a pregare Dio per i vivi e i morti partecipando alla Messa feriale e animando un’ora di Adorazione eucaristica…coinvolgendo in questo modo tutte e 4 le loro parrocchie. E di preghiere ne hanno scritte numerose e belle anche nel ritiro vissuto tutti insieme. Il tutto è stato documentato nella loro porta, semplice ed essenziale. Al quarto posto non potevano che arrivare 4 parrocchie.

 

3° classificato

San Michele Arcangelo in Salsa

DSCN6958
“Farisei e pubblicani” è il titolo dell’originale gioco fatto al termine dell’incontro di preghiera in cui hanno meditato la vocazione di Matteo e il dipinto del Caravaggio aiutati da un power-point. Nelle settimane precedenti si erano impegnati a far visita ad alcuni anziani della parrocchia. Armati di legno, chiodi, assi, viti e quant’altro hanno realizzato la loro porta, colorata e a grandezza reale. Un lavoro ottimo, da terzo posto.

 

2° classificato

San Martino Vescovo in Bibano

DSCN6939
Hanno preso più volte il treno per andare dalla loro parrocchia a Conegliano e passare un po’ di tempo con gli anziani di una Casa di riposo. Oltre a foto, impressioni, racconti e preghiere nella loro porta ci sono anche tanti biglietti del treno (ovviamente convalidati!).
Anche se hanno partecipato distintamente, hanno vissuto il ritiro assieme alle altre due parrocchie dell’UP (Godega e Pianzano). E ora insieme salgono anche i gradini più alti del podio. Lasciando agli amici di Pianzano il primo posto, secondi classificati i chierichetti di Bibano!

 

1° classificato, con assegnazione del Palio 2016

San Lorenzo Martire in Pianzano

Pianzano
Anche qui il lavoro parte da lontano, da prima di Natale, e ha coinvolto ciascun chierichetto per diverso tempo. Tutti, infatti, si sono impegnati in numerose opere di misericordia: in parrocchia per i funerali, come in casa di riposo o nelle case degli anziani e malati per una visita o un po’ di compagnia. Il ritiro lo hanno vissuto assieme alle altre due parrocchie dell’UP (Bibano e Godega) in una chiesetta del loro territorio. Infine hanno documentato il tutto con foto, preghiere, impressioni e vari disegni fatti da loro.
Sulla porta hanno scritto: “Aprite le porte alla misericordia di Gesù”. È un invito che hanno rivolto a quanti hanno incontrato ma che loro stessi hanno accolto per primi …al punto di vincere l’edizione 2016 e portarsi in parrocchia per tutto il prossimo anno il Palio dei chierichetti!

 

locandina2016

In occasione della trentesima edizione, dentro alle celebrazioni per il Giubileo della misericordia, il tema che farà da sfondo alla Festa diocesana dei chierichetti sarà proprio quello della festa, del “giubileo”.
Per ogni chierichetto, infatti, “è una festa”, è bello, poter servire il Signore all’altare così come “è una festa” seguirlo, ascoltare la sua Parola e fare la sua volontà. Da qui lo slogan di quest’anno: “Servirti-Seguirti È UNA FESTA!”: accompagnati dai seminaristi, i chierichetti e le chierichette della diocesi saranno invitati a riflettere sulla bellezza, sulla gioia del servizio che già vivono e a pensare (grazie ad alcune testimonianze) alla bellezza e alla gioia di una vita donata per sempre al Signore, come preti o come consacrati/e.
L’appuntamento è per sabato 30 aprile, dalle ore 15.00 alle ore 19.00, in Seminario. Dopo l’accoglienza e la scenetta iniziale, ci sarà anche quest’anno un momento di proposta separata per chierichetti e chierichette…e (novità!) anche per gli accompagnatori. Verso le 17.00, dopo il grande gioco, si indosseranno le vesti e in processione ci si preparerà ad attraversare la Porta santa della nostra Cattedrale e a celebrare la S. Messa con il nostro vescovo Corrado. Al termine della Messa ci saranno le premiazioni della diciassettesima edizione del Palio, dal titolo “MI-sericordia PORTA A TE” e il rinfresco nei cortili del Seminario.
Per essere una festa degna di questo nome, però, non possono mancare gli invitati: quindi, passate parola, vi aspettiamo numerosissimi!

don Paolo e don Fabio
(L’Azione n°16  – domenica 17 aprile 2016)

Qui è possible scaricare la locandina dell'evento.

Per informazioni chiamare in Seminario (0438 948411) e chiedere di don Paolo Astolfo o di don Fabio Mantese. Siamo anche su Facebook.

Di seguito, invece, alcune note tecniche:
•    l’inizio è previsto alle ore 15.00 in Seminario a Vittorio Veneto;
•    per il parcheggio: le auto possono sostare in Piazza Giovanni Paolo I (davanti alla Cattedrale) e nelle vie adiacenti al Seminario; mentre i pullman presso il parcheggio del Cimitero di Ceneda;
•    ogni gruppo abbia con sé un cartellone o uno striscione con il nome della propria parrocchia, da portare all’inizio come pure nella processione verso la Cattedrale;
•    ogni gruppo procuri di avere con sé anche le vesti: saranno depositate all’arrivo in Seminario e indossate per la Messa;
•    dopo la S. Messa tutti i chierichetti sono invitati a ritornare nei cortili del Seminario per il rinfresco;
•    la festa si concluderà per le ore 19.00.

 
 

Seminario Vittorio Veneto

 
Back to top