“Nostro figlio l’anno scorso ci aveva chiesto di entrare in Seminario, ma noi gli abbiamo detto di aspettare un po’”. “Mio figlio ha già deciso di fare questo passo. Ora siamo qui per poterlo aiutare… vedremo!”. Non è cosa di tutti i giorni ascoltare frasi di questo tipo. Anzi, è più facile sentire che i genitori dei nostri ragazzi e adolescenti parlino tra loro dei problemi legati al rendimento scolastico dei figli, più spesso dei loro successi sportivi o degli impegni legati al corso di violino o pianoforte. Eppure può capitare… anzi, per fortuna capita ancora!

            Qualche settimana fa – precisamente la sera della vigilia di S. Tiziano – abbiamo offerto ai genitori dei ragazzi che partecipano all’iniziativa Seminario open day, la possibilità di condividere insieme ciò che essi stessi vivono rispetto alle domande vocazionali dei loro figli. Pensieri del tipo: “mi piacerebbe conoscere la vita dei seminaristi”, “potrei fare l’esperienza del Seminario minore” oppure “io avrei deciso di entrare in Seminario” o ancora “io, prete, no!”. La serata si è rivelata molto semplice nella sua forma, seria nei contenuti, “toccante” nel sentimento che ci ha accomunati tutti. C’erano amore e passione in ciò che ci siamo detti. Voglia di aiutare i “nostri” figli a fare le scelte giuste, a poter realizzare i desideri veri e profondi che portano nel cuore, ad entrare in Seminario, se questo è ciò che sentono come buono e bello per la loro vita.

            “Ma in seconda media non è ancora pronto per una scelta di questo tipo!” si potrebbe obiettare… e non senza ragione. Ma la ragione non sta soltanto da una parte e spesso non ha tratti così definiti come quelli che noi vorremmo attribuirle. E’ ragionevole che un ragazzo possa attendere qualche anno prima di fare la scelta di entrare in Seminario, soprattutto se è ancora molto giovane. Ma non è meno ragionevole che i suoi genitori accolgano con serietà e fiducia il desiderio manifestato e lo aiutino a prepararsi ancor meglio alla scelta da lui prospettata, magari anche lasciandosi aiutare dagli educatori del Seminario. E’ ragionevole che i genitori si preoccupino che la scelta del figlio sia serena, autentica, per quanto possibile matura. Non lo è invece l’atteggiamento di chi permette ai propri figli di fare qualsiasi esperienza, perché “è necessario che faccia le ‘sue’ esperienze nella vita”, salvo poi mortificare il suo germinale desiderio vocazionale sfidando le sue inevitabili e iniziali incertezze, con frasi del tipo “Ma sei proprio sicuro? Mmmhhh… sta’ attento!”. E questo purtroppo non capita così raramente.

            La condivisione di quella vigilia di S. Tiziano ha di che essere istruttiva in merito al compito di preti, educatori e genitori nell’educare alla “vita buona del Vangelo”, cui è legata la questione della risposta alla chiamata di Dio… in ogni caso, anche quando il suo Amore chiama al sacerdozio e alla vita consacrata!

 

don Gianluigi Papa

con l’équipe del Seminario

 

Il prossimo 24 gennaio ricorre la memoria liturgica di S. Francesco di Sales, patrono del nostro Seminario Vescovile. La scelta di averlo come autorevole riferimento per il cammino formativo dei giovani seminaristi, si rivela di anno in anno sempre più felice e saggia. Egli fu pastore instancabile nel guidare le anime alla gioia del Vangelo. Visse il suo servizio pastorale mosso dalla dolce fermezza di chi ama Dio e i fratelli con cuore mite. E per questo non ebbe alcun timore di annunciare apertamente e schiettamente la Parola del Signore, facendo della sua vita un sacrificio d’amore a Dio e alla Chiesa. E’ a tutti evidente anche oggi la freschezza e attualità del suo insegnamento spirituale, originato da una radicale santità di vita. In Seminario dunque, venerdì prossimo sarà festa grande! Ringrazieremo il Signore per il dono di santità che Dio ha fatto alla Chiesa – in particolare al nostro Seminario – nella vita, nella sapienza e nella carità pastorale di S. Francesco di Sales. Invocheremo la sua intercessione, affinché lo Spirito Santo che ha ispirato le sue scelte, possa donare ai nostri cuori la stessa dolcezza, mitezza e pazienza, e l’intrepido coraggio, con cui egli ha risposto alla chiamata del Signore e si è donato al gregge che gli era stato affidato. Chiederemo con fiduciosa insistenza il dono di nuove vocazioni al ministero sacerdotale per la nostra chiesa diocesana. A nome degli educatori, dei ragazzi e dei giovani del nostro Seminario, invito ciascuno di voi – cari fedeli della Diocesi – a fare festa con noi. Una festa così importante, il Seminario non può tenerla soltanto per sè: è festa di tutta la Diocesi! Alle ore 18.30 celebreremo insieme l’Eucaristia, presieduta dal Vescovo Corrado. Seguirà un breve momento di convivialità e la Tombola organizzata dalla comunità del Seminario Minore. Vi aspettiamo… numerosi! E chi di voi non riuscirà ad esserci, siamo certi che sarà presente con l’affetto di sempre, nella comunione della preghiera. don Gianluigi Papa

 RITO AMMISSIONE LUCA SOLDAN 2014

CAMMINATA INIZIO ANNO 2014

PROGRAMMAZIONE NUOVO ANNO IN PUGLIA 2014

 

 

FESTA DEI CHIERICHETTI 2014

 

 

TORNEO DEI SEMINARI DEL TRIVENETO 2014

 

 

CONFERIMENTO DEI MINISTERI A MAURO CARLO E PAOLO

 

SETTIMA VOCAZIONALE A SACILE

 

 

USCITA POST-ESAMI A PECOL

USCITA SUL PIAN DE LE FEMENE

RITO DI AMMISSIONE DI ANDREA SANTORIO

 ORDINAZIONI PRESBITERALI 2013

ORDINAZIONI DIACONALI 2013

IMMAGINI DELLA VISITA DEI DIACONI IN CIAD - 2013

 RITO DI AMMISSIONE 2012

 

 PELLEGRINAGGIO A VELEHRAD - 9-13 SETTEMBRE 2012 

ORDINAZIONI MAGGIO 2012 

 Messa di Ringraziamento per il Venticinquesimo della Comunità Vocazionale (11/5/14) 

 

 

 

 

Pellegrinaggio post-esami ad Assisi (30/1 - 2/2)

 

 

Presentazione della Comunità Vocazionale

 

 
 

Seminario Vittorio Veneto

 
Back to top